La parola Enneagramma è di origine greca ed è composta da due parti: “ennea” che significa nove, e “gramma” che significa punti. Il simbolo che lo rappresenta è un cerchio sulla cui circonferenza si trovano nove punti, numerati da 1 a 9 in senso orario, che rappresentano le “nove personalità” principali dell’essere umano elaborate dalla teoria enneagrammatica, ciascuna con i propri doni, le proprie zone d’ombra, le proprie tendenze.

 

Si tratta di una mappa molto antica di crescita personale e spirituale. Il simbolismo, la saggezza e i significati che contiene sono un incredibile concentrato e integrazione delle comprensioni filosofiche e matematiche di diverse epoche storiche e culture.

 

Quanto alla storia recente, di Enneagramma se ne è sentito parlare per la prima volta in Occidente intorno agli anni Venti attraverso il filosofo e mistico armeno George Ivanovich Gurdjieff (1870-1949). Altre due personalità di rilievo che hanno avuto un ruolo determinante nell’approfondirlo e nel farlo conoscere al mondo occidentale sono: Oscar Ichazo (1931), psichiatra e antropologo boliviano, e Claudio Naranjo (1932), psichiatra cileno, terapista della Gestalt, professore, scrittore e ricercatore.

 

Ai corsi sull’Enneagramma tenuti da Naranjo a Berkeley, in California, partecipava agli inizi degli anni ’70 Bob Ochs, responsabile della formazione pastorale dei Gesuiti alla Loyola University di Chicago. Ed è proprio grazie a quest’ultimo e ai religiosi nord-americani che hanno frequentato i suoi corsi che gradualmente ha preso piede la divulgazione della conoscenza dell’Enneagramma negli Stati Uniti, in Europa, in Africa, in Sud America e in Asia, attraverso ritiri, conferenze, seminari intensivi, gruppi di studio, pubblicazioni.

 

E, strada facendo sino ai nostri giorni, l’Enneagramma si è arricchito delle intuizioni e dei preziosi contributi di vari Autori che hanno dato vita ad uno sviluppo dinamico e variegato dello strumento che abbraccia la spiritualità, la psicologia, l’ambito educativo, sanitario, manageriale, terapeutico.

 

L’Enneagramma è uno strumento di auto-conoscenza, a livello umano e spirituale. Studia la personalità sotto il profilo della tipologia e offre una mappa coerente, comprensibile e chiara delle “nove personalità” mettendo in evidenza i doni, i modelli di comportamento e le tendenze che condizionano le persone. Oltre a “radiografare” e descrivere comportamenti ricorrenti nelle persone, l’Enneagramma propone – ed è questo, a mio avviso, uno degli aspetti più significativi – percorsi di trasformazione che aiutano nella crescita umana e spirituale, in vista di un’integrazione globale della persona. L’approccio, dunque, è propositivo, parte dai “doni” di ciascuno di noi ed evidenzia che laddove gli stessi vengono assolutizzati divengono una “trappola” che ci ingabbia. Pertanto, l’Enneagramma è uno strumento pratico ed efficace che aiuta a fare verità su se stessi, per realizzare un’autentica conoscenza di se e un positivo rapporto con gli altri, orientato a vivere la vita in armonia e aperti al trascendente.

UNA MAPPA, MOLTI PERCORSI

Iscriviti ai nostri corsi:

Animatore dei corsi è Roberto Polimeni, studioso di Enneagramma e insegnante certificato dall’A.I.E. - Associazione Italiana Enneagramma (Modulo A).